Premessa



Il fenomeno UFO non è recente, anche se l'avvistamento di Kenneth Arnold, avvenuto il 24 giugno 1947, ha portato questa realtà agli onori della cronaca, ma non solo, ha anche costretto finalmente le Forze aeree degli Stati Uniti a prenderne atto. Come dicevo questo fenomeno non è recente, ma risale alla notte dei tempi; ne troviamo traccia nelle pitture rupestri, nei documenti antichissimi che sono pervenuti sino a noi, nei reperti archeologici, nella trasmissione orale di fatti di epoche remote che alcuni popoli ancora si tramandano da generazioni. Gli scettici sorridono e ironizzano su questo fenomeno trattando i sostenitori come visionari, se hanno assistito a qualche avvistamento, come creduloni o sognatori. In realtà è vero il contrario, sono gli scettici che accettano solo quello che la scienza o "fonti autorevoli" dicono dimostrando, in questo modo, di essere incapaci di ragionare con la propria testa. Non è difficile capire che l'Universo pullula di vita intelligente (e non parlo di microrganismi) e, seppure questo non venga negato, si pensa che la distanza di questi Pianeti abitati sia tale da rendere impossibile una esplorazione del nostro Pianeta da parte loro. Tutto questo è vero in base alle nostre attuali conoscenze sulle leggi della Fisica, ma è anche vero che lo studio di queste leggi non si è concluso con la teoria della relatività formulata da Einstein, quindi non sappiamo quali altre scoperte verranno fatte nel futuro che potranno dimostrare, magari, come la dimensione spazio-temporale possa essere dominata così da rendere insignificanti le distanze non solo tra Pianeti, ma anche tra sistemi solari e galassie.

7 giugno 2013

Roma: intensa attività UFO registrata sulla capitale – le fotografie

Molti testimoni confermano la presenza di sfere di luce sulla capitale. Segnalazioni confermano che il 6 Giugno 2013 dalle ore 20.30 alla mezzanotte, nel centro della capitale (e in direzione sud/est) sono state avvistate alcune sfere di luce che hanno stazionato per molti minuti, prima di scomparire.


Addirittura alcuni confermano che decine e decine di sfere di luce hanno sorvolato la zona della Città del Vaticano verso le ore 20.30 e verso la mezzanotte altri testimoni confermano di altri avvistamenti UFO, come racconta una lettrice del sito web meteoweb.eu, signora Giorgia Cortesi:

“Il fenomeno è durato 30 minuti circa, in condizioni atmosferiche di 17°C con cielo abbastanza sereno” scrive Giorgia, che poi spiega i dettagli dell’avvistamento: “Si è trattato di due oggetti luminosi che erano già presenti nel cielo quando siamo usciti in balcone. Forma (apparentemente) circolare, colore rosso acceso che a volte si schiariva. 


image01

image02

image03

Le immagini, che pubblichiamo sopra, provenienti dal sito meteoweb.eu, confermano i dettagli dell’avvistamento: “Si è trattato di due oggetti luminosi che erano già presenti nel cielo quando siamo usciti in balcone. Forma (apparentemente) circolare, colore rosso acceso che a volte si schiariva. Sono rimasti fermi immobili per parecchi minuti per poi spostarsi verso l’alto e di nuovo verso il basso. Sono scomparsi e poi riapparsi nel giro di qualche minuto. A volte uno si “spegneva” per poi riaccendersi“.



Fonte: http://www.rivelazionishock.com/

29 maggio 2013

L’FBI e Pentagono sapevano degli Incontri tra Eisenhower e una delegazione Extraterrestre

Ho avuto l’opportunità di conoscere Timothy Good in occasione della presentazione del libro ALIEN BASE, dove all’interno dello stesso, dedicava parte della storia degli Incontri Ravvicinati dell’amico Filiberto Caponi, unico al mondo fino ad ora ad aver mostrato le prime fotografie di un essere Extraterrestre. In quell’incontro con Timothy si parlò anche del caso di Holloman, ovvero degli incontri con esseri Alieni da parte dell’ex presidente americano Eisenhower. Questi incontri, ventilati da tantissimi anni ma mai confermati da esponenti del governo, avrebbero avuto luogo nel febbraio del 1954, all’interno della Holloman Air Force Base, nel New Mexico.

l’Ex presidente Eisenhower
All’incontro, ha spiegato Timothy Good, parteciparono anche degli alti dirigenti della FBI e membri dell’alto comando del Ministero della Difesa USA: “Ogni volta che il presidente doveva spostarsi, per mantenere segreti gli incontri senza destare sospetti, a tutti veniva detto che Eisenhower si trovava in vacanza a Palm Springs oppure era dal dentista“.
In quegli incontri che ci sono stati, Eisenhower si era convinto che gli alieni volevano aiutarci. Quindi, stando alle indiscrezioni, Eisenhower e il suo staff sarebbero stati testimoni dell’atterraggio del disco volante dei visitatori alieni, che comunque chiesero all’allora presidente di prendere in considerazione l’idea di rendere pubblica la notizia della loro presenza sul nostro pianeta“.

Holloman Air Force Base
Ovvio che l’iniziativa fu ignorata, altrimenti non eravamo quì a parlarne. Ci sarebbero anche le prove di questo incontro, racchiuse in alcuni video che io personalmente sono riuscito a visionare, ma in minima parte, nel 1997, grazie all’intervento dell’amico Robert Dean, uno dei tanti sottufficiali che ebbe modo negli anni ’70, di incontrare delegazioni aliene ma non in quella circostanza. Come detto la notizia non è nuova, ma solo ora sembra trovare conferme di un certo peso.

La Terra sarà investita da una pioggia di meteoriti

Il perché gli alieni abbiano voluto incontrare il leader statunitense, nessuno sembra per il momento saperlo con certezza. Io come altri pochi, sono sostenitore della teoria secondo cui gli extraterrestri vengono in pace, e anzi, negli incontri con la nostra specie, hanno persino tentato di avvisarci di “cambiamenti futuri” previsti dal 2004 in poi, eventi geofisici che sarebbero andati ad influenzare il Pianeta stesso, e di questo ne era convinto anche l’Ex presidente Eisenhower. Alcuni presunti testimoni militari e Remote Viewing, sostengono che i Grigi avvisarono Eisenhower di un fenomeno che interessa la Terra ogni 25.000 rivoluzioni attorno al Sole (equivalenti a circa 25 mila anni e lasso di tempo che coinciderebbe con la chiusura del calendario Maya, quindi dopo il 2012).
Il nostro pianeta, avrebbero detto all’ex presidente gli alieni, viene ciclicamente investito da grandi meteoriti ma neppure loro sono in grado di “proteggerci da quelli più grandi”, ma l’unica possibilità per la nostra specie, suggerirono i Grigi, potrebbe essere quella di costruire una sorta di “scudo spaziale o deflettore”.
Gli ET ci avrebbero aiutato di sicuro, se gli Umani avessero messo da parte la loro avidità, l’arroganza, l’egoismo e la bramosia di Potere.

Timothy Good
Una storia che per molti versi, risulta incredibile visto che dalla fine del Calendario Maya (21 Dicembre 2012) fino ad oggi, sono aumentati in modo esponenziale gli impatti di meteoriti sul nostro pianeta. Non è un caso che  Certo, confermare una storia del genere, dove è lo stesso incontro con gli alieni e l’allora presidente degli Stati Uniti ad esser messo in dubbio, è allo stato attuale impossibile, ma posso solo dirvi che io stesso fui testimone di quell’incredibile video dell’incontro a Holloman, in cui si potevano osservare tre oggetti luminosi, di cui uno, quello centrale, iniziò una discesa verso la base per poi atterrare definitivamente. La delegazione aliena e terrestre si riunì al tavolo in un edificio della base stessa, di Viale Marte.
Quel filmato esiste veramente ma non ero stato autorizzato a visionarlo nella sua completezza.
Ora c’è da domandarsi inoltre il perché, Timothy Good e altri testimoni (ex) militari, abbiano deciso di rivelare i dettagli di quegli incontri soltanto in questi ultimi tempi? Inoltre Good aveva avuto un bel compenso economico per la sua partecipazione alla trasmissione televisiva, in cui presentò la sua testimonianza, raccontata poi in un ultima sua opera editoriale. Quindi era troppo ghiotto il bottino per non lasciarsi andare a fantasiose rivelazioni di sicuro interesse? Il 21 dicembre 2012 è passato e sul nostro pianeta stanno succendendo calamità naturali e devastazioni di ogni tipo, oltre alle piogge di meteore e tempeste solari, che come proeittili si stanno abbattendo sulla Terra. Forse “I Grigi” avevano ragione. In quel fatidico Incontro a Holloman, abbiamo perso una grande opportunità, quella di diventare una Umanità Galattica.

23 maggio 2013

Bob Lazar e la retroingegneria aliena

In pieno deserto del Nevada, 200 Km a nord della scintillante Las Vegas, esiste un'installazione militare vicino a Groom Lake talmente segreta da non comparire su nessuna carta geografica della zona. In questa installazione militare, nota come "Area 51" oppure "Dreamland" (la terra dei sogni), il Pentagono fin dal 1954 ha sviluppato per conto della Central Intelligence Agency (CIA) tutti gli aerei coperti da segreti militari, cominciando dall'aereo spia "U2", passando per il "Blackbird SR71", l'F117 Stealth, il bombardiere Stealth "B2", fino ad arrivare al nuovissimo "Aurora" che vola all'incredibile velocità di Mach 8 (8 volte la velocità del suono).


La zona è strettamente sorvegliata da militari armati, e nessun aereo può sorvolare il suo spazio aereo che è il più protetto degli Stati Uniti. Quindi è comprensibile come la zona sia sempre stata avvolta dal più fitto mistero, dovuto anche dal fatto che l'Aeronautica Militare ed il Governo degli Stai Uniti continuano a negarne addirittura l'esistenza. Ma un fatto assolutamente imprevedibile avrebbe provveduto, almeno parzialmente, a sollevare quel velo di mistero e segretezza.
Il 25 Luglio del 1990 gli spettatori di KLAS TV, una televisione locale di Las Vegas, durante la trasmissione "UFO: the best evidence" ascoltarono l'esplosiva intervista rilasciata dal fisico nucleare Robert Lazar al conduttore George Knapp:

22 maggio 2013

AVVISTAMENTO DI SFERE DI LUCE NEL CAGLIARITANO IL 20 MAGGIO 2013


IL 20 MAGGIO 2013  ALLE ORE 19,00 CIRCA NEL CAGLIARITANO PRECISAMENTE IN LOCALITA' CAPOTERRA SONO STATE AVVISTATE E FILMATE DA UNO " SKYWATCHER " ( APPASSIONATI DELCIELO MUNITI DI TELESCOPIO E MACCHINE FOTOGRAFICHE DI SUPPORTO ) NUMEROSE SFERE DI LUCE EVOLUIRE NEL CIELO DELLA LOCALITA' CAGLIARITANA.NEL VIDEO A SEGUITO ALLEGATO SI VEDONO IN MANIERA NETTA NUMEROSE SFERE DI LUCE EVOLUIRE A BASSA QUOTA,  ALCUNE IN MANIERA ERRATICA, ALTRE COME SE STESSERO PERLUSTRANDO LA ZONA IN MANIERA MOLTO LENTA.
CONSIDERO PERSONALMENTE QUESTO VIDEO MOLTO INTERESSANTE E LE SFERE DI LUCE INQUADRATE NON POSSONO IN ALCUN CASO ESSERE CONSIDERATE DEI PALLONCINI VISTO I MOVIMENTI CHE EFFETTUANO.




Fonte:  http://ranierorecupero-figlidellestelle.blogspot.it/

 

21 maggio 2013

Il caso Amicizia


Tutto iniziò nel 1956, quando Bruno Sammaciccia e due suoi amici entrarono in contatto con due misteriosi individui che si qualificarono come extraterrestri.

Uno dei due era alto circa tre metri, l'altro appena un metro. Sammaciccia ed i suoi amici, inizialmente scettici, vennero in seguito portati in una enorme base sotterranea dove incontrarono altri extraterrestri. Videro anche i loro "giovani" che venivano educati ad apprendere sofisticatissime tecnologie e le tecniche di pilotaggio delle astronavi.

Una volta convintisi di aver a che fare con dei veri extraterrestri, Sammaciccia e i suoi amici iniziarono ad aiutarli in base alle varie incombenze che venivano loro richieste. Iniziarono fornendo agli alieni dei supporti materiali e organizzando il trasporto di frutta, cibo ed altri materiali mediante gruppi di camion che dovevano raggiungere la base ed essere svuotati senza destare sospetti negli autisti. In media ogni mese venivano fatti giungere almeno due camion alle varie basi in differenti regioni di Italia dove Sammaciccia ed i suoi aiutanti si trasferivano di volta in volta.

Nel libro "Contattismi di Massa" Sammaciccia descrive in prima persona i personaggi umani che furono coinvolti nella storia ed ebbero contatti diretti con gli extraterrestri. Queste persone in breve aumentarono di numero e il compito di Sammaciccia consisteva nell'aiutare gli alieni a preparare gradualmente l'umanità alla scoperta che sulla Terra vivono esseri di aspetto umano provenienti da altri pianeti.

L'autore del libro, Stefano Breccia, afferma di aver direttamente incontrato e di aver intervistato almeno 80 persone che avevano incontrato o avevano lavorato con questi extraterrestri. La maggior parte di costoro era di cittadinanza italiana ma anche in altri paesi esistevano persone venute in contatto con lo stesso gruppo di extraterrestri. Molti di questi alieni potevano facilmente mescolarsi alla società umana e, se necessario, svolgevano professioni normali in mezzo a noi.

Il caso Amicizia, quindi, confermerebbe le affermazioni di numerosi rivelatori americani che parlano di alieni di aspetto umano perfettamente inseriti nella nostra società e che camminano in mezzo a noi.

Alla fine Sammaciccia descrive un violento conflitto tra due fazioni di extraterrestri che avrebbero tentato di inflluenzare lo sviluppo umano e il futuro. Mentre la fazione "Amicizia" a cui egli prestava aiuto promuoveva una unione cosmica ed uno sviluppo basato sulla morale, l'altra fazione (i Grigi o Contrari) perseguiva esclusivamente il solo sviluppo tecnologico. Ciò portava a periodici scontri violenti tra i due gruppi. Alla fine le basi sotterranee degli Amici di Sammaciccia vennero distrutte nel 1978.

I sopravvissuti dovettero abbandonare la Terra ma promisero di tornare in futuro, quando l'umanità fosse stata più evoluta eticamente e pronta ad interagire con gli extraterrestri.

L'incredibile storia di Sammaciccia sembra un episodio della saga di Star Trek ma è supportata da solide prove documentarie, dalla fiducia dei migliori ufologi italiani e dai racconti di prima mano di molti testimoni ancora viventi. Alcuni di questi erano importanti figure politiche, uomini di cultura ed eminenti personaggi sia italiani che europei. Nel libro Breccia include diverse prefazioni e dichiarazioni di testimoni che confermano il gran numero di persone coinvolte nel caso "Amicizia".

Alla luce delle sempre più numerose prove e testimonianze che stanno emergendo in Italia ed in altri paesi, il caso "Amicizia" potrebbe essere la prova definitiva della realtà della vita extraterrestre.




Fonte:  http://flyingobject.altervista.org/__amicizia.html

14 giugno 2011

Il caso Carlos Diaz

Carlos Diaz è un fotografo messicano che, nel marzo 1981, ebbe il primo di tanti incontri ravvicinati con gli Ufo e i suoi occupanti. E' un personaggio molto noto negli ambienti ufologici di tutto il mondo vantando un gran numero di sostenitori, ma anche di detrattori. E' comunque un personaggio controverso nonostante le sue testimonianze siano avvalorate dalle affermazioni di chi, tra persone comuni, membri del mondo scientifico e varie televisioni, ha assistito a questi incontri.
Tutto cominciò, come dicevo, una mattina del marzo 1981 nel bosco di Ajusco nei pressi di Città del Messico, dove si trovava per scattare delle foto, quando notò, in una valle poco distante, un bagliore che attribuì ad un incendio, ma che si rivelò, ad un attento esame, essere un'astronave di luce, che fotografò per ben 12 volte, posata sulla valle stessa. Non mi è dato di sapere come poi sia avvenuto il contatto con gli occupanti, ma comunque un contatto è avvenuto visto che Carlos Diaz ha visitato queste navi spaziali definendole "navi di pura energia luminosa". Interrogati circa la loro provenienza questi alieni hanno risposto di provenire da ogni luogo, il che ha portato Carlos Diaz a ipotizzare trattarsi di esseri multidimensionali, capaci di assumere una forma umana quasi perfetta e, stando alle sue asserzioni, sarebbero presenti in tutto il mondo interagendo con le varie popolazioni all'insaputa di queste. Stando così le cose, visto il rapporto speciale che esiste tra Carlos Diaz e questi alieni, gli incontri vengono fissati tramite cellulare; ebbene sì, perchè vivono in mezzo a noi, hanno un lavoro, vanno a fare la spesa, mangiano i nostri stessi cibi ecc., è quindi difficile distinguerli dagli umani. Le foto scattate da Carlo Diaz sono state esaminate dai migliori esperti del settore e riconosciute autentiche, senza contare le riprese effettuate da svariate reti televisive. Il Fisico Victor Quesada, dopo aver esaminato le foto di queste navi, chiese a Carlos Diaz se poteva fissare un appuntamento con questi esseri per poter verificare in prima persona questa realtà. Il giorno e l'ora stabiliti ecco comparire la nave a pochi metri d'altezza dallo stupefatto Quesada e una luce giallastra cominciò a sollevarlo da terra, ma fu subito rilasciato visto che il Fisico mostrava segni di grande spavento divincolandosi istericamente. In Messico e sopratutto nella valle di Tepoztlan, dove normalmente avvengono gli incontri, gli avvistamenti di Ufo si verificano tutti i giorni e la popolazione non si spaventa affatto.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...