Premessa



Il fenomeno UFO non è recente, anche se l'avvistamento di Kenneth Arnold, avvenuto il 24 giugno 1947, ha portato questa realtà agli onori della cronaca, ma non solo, ha anche costretto finalmente le Forze aeree degli Stati Uniti a prenderne atto. Come dicevo questo fenomeno non è recente, ma risale alla notte dei tempi; ne troviamo traccia nelle pitture rupestri, nei documenti antichissimi che sono pervenuti sino a noi, nei reperti archeologici, nella trasmissione orale di fatti di epoche remote che alcuni popoli ancora si tramandano da generazioni. Gli scettici sorridono e ironizzano su questo fenomeno trattando i sostenitori come visionari, se hanno assistito a qualche avvistamento, come creduloni o sognatori. In realtà è vero il contrario, sono gli scettici che accettano solo quello che la scienza o "fonti autorevoli" dicono dimostrando, in questo modo, di essere incapaci di ragionare con la propria testa. Non è difficile capire che l'Universo pullula di vita intelligente (e non parlo di microrganismi) e, seppure questo non venga negato, si pensa che la distanza di questi Pianeti abitati sia tale da rendere impossibile una esplorazione del nostro Pianeta da parte loro. Tutto questo è vero in base alle nostre attuali conoscenze sulle leggi della Fisica, ma è anche vero che lo studio di queste leggi non si è concluso con la teoria della relatività formulata da Einstein, quindi non sappiamo quali altre scoperte verranno fatte nel futuro che potranno dimostrare, magari, come la dimensione spazio-temporale possa essere dominata così da rendere insignificanti le distanze non solo tra Pianeti, ma anche tra sistemi solari e galassie.

21 maggio 2013

Il caso Amicizia


Tutto iniziò nel 1956, quando Bruno Sammaciccia e due suoi amici entrarono in contatto con due misteriosi individui che si qualificarono come extraterrestri.

Uno dei due era alto circa tre metri, l'altro appena un metro. Sammaciccia ed i suoi amici, inizialmente scettici, vennero in seguito portati in una enorme base sotterranea dove incontrarono altri extraterrestri. Videro anche i loro "giovani" che venivano educati ad apprendere sofisticatissime tecnologie e le tecniche di pilotaggio delle astronavi.

Una volta convintisi di aver a che fare con dei veri extraterrestri, Sammaciccia e i suoi amici iniziarono ad aiutarli in base alle varie incombenze che venivano loro richieste. Iniziarono fornendo agli alieni dei supporti materiali e organizzando il trasporto di frutta, cibo ed altri materiali mediante gruppi di camion che dovevano raggiungere la base ed essere svuotati senza destare sospetti negli autisti. In media ogni mese venivano fatti giungere almeno due camion alle varie basi in differenti regioni di Italia dove Sammaciccia ed i suoi aiutanti si trasferivano di volta in volta.

Nel libro "Contattismi di Massa" Sammaciccia descrive in prima persona i personaggi umani che furono coinvolti nella storia ed ebbero contatti diretti con gli extraterrestri. Queste persone in breve aumentarono di numero e il compito di Sammaciccia consisteva nell'aiutare gli alieni a preparare gradualmente l'umanità alla scoperta che sulla Terra vivono esseri di aspetto umano provenienti da altri pianeti.

L'autore del libro, Stefano Breccia, afferma di aver direttamente incontrato e di aver intervistato almeno 80 persone che avevano incontrato o avevano lavorato con questi extraterrestri. La maggior parte di costoro era di cittadinanza italiana ma anche in altri paesi esistevano persone venute in contatto con lo stesso gruppo di extraterrestri. Molti di questi alieni potevano facilmente mescolarsi alla società umana e, se necessario, svolgevano professioni normali in mezzo a noi.

Il caso Amicizia, quindi, confermerebbe le affermazioni di numerosi rivelatori americani che parlano di alieni di aspetto umano perfettamente inseriti nella nostra società e che camminano in mezzo a noi.

Alla fine Sammaciccia descrive un violento conflitto tra due fazioni di extraterrestri che avrebbero tentato di inflluenzare lo sviluppo umano e il futuro. Mentre la fazione "Amicizia" a cui egli prestava aiuto promuoveva una unione cosmica ed uno sviluppo basato sulla morale, l'altra fazione (i Grigi o Contrari) perseguiva esclusivamente il solo sviluppo tecnologico. Ciò portava a periodici scontri violenti tra i due gruppi. Alla fine le basi sotterranee degli Amici di Sammaciccia vennero distrutte nel 1978.

I sopravvissuti dovettero abbandonare la Terra ma promisero di tornare in futuro, quando l'umanità fosse stata più evoluta eticamente e pronta ad interagire con gli extraterrestri.

L'incredibile storia di Sammaciccia sembra un episodio della saga di Star Trek ma è supportata da solide prove documentarie, dalla fiducia dei migliori ufologi italiani e dai racconti di prima mano di molti testimoni ancora viventi. Alcuni di questi erano importanti figure politiche, uomini di cultura ed eminenti personaggi sia italiani che europei. Nel libro Breccia include diverse prefazioni e dichiarazioni di testimoni che confermano il gran numero di persone coinvolte nel caso "Amicizia".

Alla luce delle sempre più numerose prove e testimonianze che stanno emergendo in Italia ed in altri paesi, il caso "Amicizia" potrebbe essere la prova definitiva della realtà della vita extraterrestre.




Fonte:  http://flyingobject.altervista.org/__amicizia.html

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...